3 min lettura

Google ha lanciato una nuova interfaccia di Google Meet per rendere le riunioni più coinvolgenti, sicure e incentrate sulle persone.

Google ha implementato una nuova interfaccia utente (UI) per Google Meet, con nuove funzionalità per le riunioni da remoto.
A causa della pandemia, le persone in tutto il mondo hanno adottato una cultura del lavoro ibrida che richiede agli utenti di connettersi da luoghi remoti per riunioni virtuali.

Da oggi la nuova UI, oltre ad essere visivamente più accattivante, dà accesso ad una serie di funzionalità che, secondo Google

«rendono le riunioni più produttive e inclusive».

 

 

 

Visibilità:

Personalmente mi ha sempre disturbato parecchio vedere la miniatura di me stesso durante le chiamate.
Ora siamo finalmente in grado di ridurla a icona o nasconderla del tutto, ma se invece si preferisce far parte dei partecipanti, le nuove opzioni includono anche la possibilità di posizionare il proprio feed video in un riquadro nella griglia o in una miniatura che può essere ridimensionata e riposizionata.

Yourself

Multiple pinning:

Google consentirà anche di “bloccare in alto” più utenti se, ad esempio, stanno presentando insieme durante una riunione.

Se sei impegnato a presentare, inoltre, potrai sbloccare rapidamente il riquadro della presentazione, il quale si ridimensionerà (rientrando nella griglia insieme altri partecipanti), permettendo di vedere più persone durante una chiamata o capire se sono rimaste colpite dalle tue slide.

 

Controlli migliorati:

Una delle modifiche più significative è sicuramente il miglioramento della barra inferiore: tutti i controlli ora sono in un unico posto.
Ciò significa che chat, allegati ed elenco dei partecipanti sono tutti in fondo, lasciando maggiore spazio per vedere le persone e tutto ciò che viene presentato durante una chiamata.

Anche il pulsante di fine chiamata è stato allontanato dai pulsanti della fotocamera e del microfono in modo da evitare interruzioni accidentali invece di disattivare l’audio (ammetto che mi è capitato più di qualche volta).

Regolazione della luce:

Google Meet rileverà automaticamente quando un utente appare sottoesposto e aumenterà la luminosità per migliorarne la visibilità.
L’intelligenza artificiale renderà un utente più visibile se l’ambiente è troppo scuro o troppo chiaro.

Sostituzione dello sfondo:

Fino ad ora Google Meet consentiva agli utenti di sfocare i propri sfondi o aggiungere sfondi personalizzati ai propri feed.
Ora sta aggiungendo nuovi background che aiuteranno gli utenti a mantenere la privacy.

Sarà possibile la sostituzione dello sfondo con dei contenuti video, consentendoti di scegliere (almeno per il momento) tra un’aula, una festa e una foresta.

 

Zoom automatico:

Gli abbonati a Google Workspace (a pagamento) infine, avranno anche accesso a una nuova funzione di zoom automatico. Questa funzione, basata sull’intelligenza artificiale, permetterà alla videocamera di seguirti e posizionarti esattamente al centro, anche se ti muovi.

A tal proposito, per caso pochi giorni fa con i miei colleghi abbiamo provato e installato nel nostro workspace di Slack Around, il quale presenta alcune delle funzionalità appena rilasciate da Google (prima tra tutte l’autozoom e “riposizionamento” dell’utente al centro del video).
Veramente molto interessante.

 

Considerazioni finali

Oltre a migliorare l’esperienza degli utenti durante le video call, la nuova interfaccia si presenta più “morbida” e moderna rispetto alla precedente, con forme più arrotondate.
Ho apprezzato molto la scelta di prevedere una spaziatura tra le varie miniature dei partecipati all’interno della griglia, o tra i partecipanti e la chat (quando aperta) che oltre a rendere la vista in generale più “leggera”, facilita l’individuazione di uno specifico partecipante o contenuto e la concentrazione su di esso.

La barra inferiore resta comunque una degli aggiornamenti più evidenti.
Quello che mi domando però è se non fosse stato possibile migliorarla ulteriormente, raggruppando maggiormente le icone in base alla categoria di appartenenza.

Feedback?

E tu? Che ne pensi della nuova interfaccia? Ti stai trovando bene o suggeriresti altre migliorie?
Contattami in direct e parliamone insieme @pflrn