5 min lettura

Le migliori aziende tecnologiche di oggi operano con una visione chiara, che guida ogni logo, azione e decisione.

Alcune di queste società hanno deciso di cambiare il mondo. E ci sono riuscite.

Come lo fanno? I titani della tecnologia sanno che ci vuole un ambiente di lavoro e una cultura innovativa e agile per trasformare le loro ambiziose visioni in realtà.
Usano la tecnologia per rispondere a grandi domande e adattarsi rapidamente. Costruiscono squadre in grado di superare intere industrie e risolvere problemi in modi che nessun altro aveva pensato prima, migliorando nella maggior parte dei casi le nostre stesse vite.

Conoscerete tutti questi nomi -è impossibile non averli mai sentiti- e probabilmente riconoscerete che i segreti del loro successo non sono poi così segreti.

Qualsiasi azienda, indipendentemente dal settore di appartenenza, può adottare strategie innovative ed essere sulla buona strada per accelerare il processo di leadership nel mercato.

 

1. Crea un movimento dal tuo modello di business, come Tesla

 

I don’t create companies for the sake of creating companies, but to gets things done.

– Elon Musk

Devo indicare di cosa mi occupo nel nome? Chiedetelo a Tesla, che ha ufficialmente abbandonato “Motors” dal suo nome nel febbraio 2017.

Il cambiamento riflette meglio la loro missione semplice, ma molto ambiziosa: accelerare la transizione del mondo verso l’energia sostenibile.

Quando Musk rilasciò una nuova versione del suo ormai famoso piano-master, usò la missione aziendale per giustificare ciò che molti consideravano un’acquisizione rischiosa: SolarCity.

Un post sul blog spiegava:

«Il punto di tutto questo è stato, e rimane, accelerare l’avvento dell’energia sostenibile, in modo che si possa immaginare anche nel futuro una vita serena».

Nel 2014 Musk ha annunciato che la società consentirebbe a chiunque – concorrenti inclusi – di utilizzare la tecnologia brevettata da Tesla nella speranza di accelerare lo sviluppo di veicoli elettrici.
La dichiarazione, anche se non comune, non sorprende se proviene da un CEO che guida un’azienda profondamente motivata.

La lezione di Tesla: i leader ispirano quando focalizzano le loro aziende su una missione chiara, orientando il business di conseguenza.

 

2. Adotta la mentalità da esploratore, come Amazon

 

I believe we are the best place in the world to fail (we have plenty of practice!), and failure and inventions are inseparable twins.

– Jeff Bezos

C’è un motivo per cui Amazon ha scalato l’elenco delle Most Innovative Companies di Fast Company nel 2017: la sua costante innovazione.
L’esperienza del cliente è da sempre il suo focus, i dipendenti sono liberi – e incoraggiati – a rischiare il fallimento fino a trovare la giusta soluzione.

Dice Bezos, «Alcune aziende hanno una mentalità più vicina a quella di un conquistatore. Il loro piano strategico annuale inizia scegliendo quali competitor schiacceranno quest’anno. Noi invece abbiamo una mentalità da esploratore. Ci piace essere pionieri».

L’attenzione di Amazon all’invenzione tiene a bada i concorrenti ormai da tempo e l’azienda è in continua crescita: ha assunto 110.000 lavoratori l’anno scorso e ora ha più di 340.000 dipendenti. In che modo questo tipo di azienda scala l’innovazione? Usando la semplice “regola delle due pizze“.

Paul Misener, VP of Innovation di Amazon, afferma che “le competenze extra non funzionano” e grandi gruppi di lavoro creano solamente più burocrazia. Le squadre che lavorano per risolvere un problema sono piccole – abbastanza piccole da essere alimentate da due pizze, così possono «innovare e testare le loro idee in modo indipendente da chiunque altro».

La lezione di Amazon: per una maggiore agilità nella gestione dei lavori e aiutare la crescita del business, costruite team piccoli che si sentano sicuri delle proprie idee e capaci di assumersi dei rischi in nome dell’innovazione.

 

3. Muoviti velocemente, come Facebook

 

We have the words “Done is better than perfect” painted on our wall to remind ourselves to always keep shipping

– Mark Zuckerberg

Il gigante Facebook ha usato la velocità per prosperare nel competitivo mercato dei Social Media.
Gli ingegneri di oggi non si preoccupano più di avere un’infrastruttura stabile: il mutare costantemente è uno dei valori fondamentali di Facebook.

I migliori candidati sono quelli «meno timorosi di commettere errori che di muoversi troppo lentamente».
Zuckerberg la chiama “Hacker Way“.

In nessuna azienda più di Facebook sono frequenti le maratone notturne in cui i dipendenti uniscono le forze per sviluppare nuove soluzioni in un breve lasso di tempo.
I famosi hackathon di Facebook hanno prodotto funzionalità ben note come Timeline, Chate Safety Check.

La lezione di Facebook: le aziende dovrebbero supportare i veloci cambiamenti in tutti i modi possibili e riconoscere quali membri del team si sanno “muovere rapidamente”, aiutando l’intera organizzazione a rimanere in testa.

 

4. Migliora le persone, come Atlassian

 

Phenomenal products are usually built by a phenomenal team

– Michael Cannon-Brookes

Per chi non conosce questa azienda sarà difficile immaginarlo, ma i co-fondatori Cannon-Brookes e Scott Farquhar, inizialmente non si preoccuparono troppo di curare i loro valori aziendali.
Poche candidature e una fase critica della loro vita costrinse tuttavia la coppia a valutare quale tipo di dipendenti desideravano nella compagnia.

Da allora si sono concentrati sull’assunzione e la cura dei migliori talenti del settore.
Lo fanno incoraggiando ruoli interdisciplinari, fornendo risorse di apprendimento dove necessario e rimanendo fedeli alla loro missione principale: aiutare i team a crescere.

Durante l’Atlassian Summit, i leader dell’azienda hanno spiegato come i loro team di ingegneri lavorino in modo più efficiente condividendo conoscenze e competenze l’uno con l’altro.

Qual è la priorità numero uno per i dipendenti di Atlassian? La formazione. Team di sviluppatori e designer imparano gli uni dagli altri per acquisire competenze sempre nuove, arrivando così ad ottenere un lavoro di squadra ottimale.
I progetti, inoltre, sono seguiti da un’accurata documentazione e molti di questi possono essere consultati gratuitamente sul loro sito web da altri team che cercano di fare lo stesso.

La lezione di Atlassian: costruisci una cultura sana e investi nella crescita dei tuoi dipendenti come se da essi dipendesse la tua azienda, perché è esattamente così.

 

5. Concentrati sulla collaborazione, come Google

 

If you can run the company a bit more collaboratively, you get a better result, because you have more bandwidth and checking and balancing going on.

– Larry Page

A volte riunendo le persone in una stanza solo per parlare di idee si ottiene la massima produttività.
Basta chiedere a Mozilla o addirittura alle Nazioni Unite: entrambe le organizzazioni – e molte altre – hanno adottato il “Design Sprint” come metodo di progettazione, che rappresenta il modo in cui Google risolve le sfide su vasta scala.

Sprint” è un termine coniato nel mondo dell’ingegneria, ma può significare cose diverse per le persone.
I “googler” lo hanno associato al proprio metodo di lavoro: un vero sprint per tenere il passo con la tecnologia.

Un “Design Sprint” per Google è un processo che prevede 5 fasi distinte: Comprensione, Progettazione, Decisione, Prototipazione e Approvazione.
I team si impegnano a risolvere un problema in 5 giorni o meno.

Il successo e l’efficacia dei Design Sprint sta nella formazione di piccoli team interdisciplinari con una diversità di background e competenze fondamentali per lo sviluppo del progetto.

«È nostra responsabilità mettere le persone giuste nella stessa stanza», afferma Ratna Desai, UX Designer di Google. «È davvero importante avere il team giusto quando si comincia un Design Sprint. Ho visto squadre con un tipo di sinergia tale da portarli alla vera innovazione».

La lezione di Google: sfruttare diversi piccoli team per risolvere collettivamente i problemi e creare migliori prodotti ed esperienze.

Impara, vinci, ripeti

Nonostante le più grandi aziende tecnologiche del mondo continuano ad avere successo nel mercato, nessuna di queste afferma di aver capito tutto.
Questo è il segreto: le imprese di successo continuano ad apprendere, ad adattarsi e a cambiare mano a mano che le tecnologie e i metodi di lavoro diventano obsoleti.

I leader dovrebbero chiedersi: «i miei team conoscono i loro obiettivi? Hanno il tempo di fermarsi e trovare nuove idee su come innovare? Le loro capacità mantengono il passo con la tecnologia?»

Prendete in considerazione le tattiche delle aziende più grandi e tecnologicamente avanzate. Date spazio ai vostri team per esprimersi.
L’apprendimento costante consente ai dipendenti di sviluppare competenze che corrispondono al loro desiderio di innovare.
Con il talento e l’innovazione, la tua azienda passerà meno tempo nel cercare di raggiungere i competitor e potrà concentrarsi sulla propria missione.